Recensioni e Novità sul Mondo del Brivido

unction wpsites_before_post_widget( $content ) { if ( is_singular( array( 'post', 'page' ) ) && is_active_sidebar( 'before-post' ) && is_main_query() ) { dynamic_sidebar('before-post'); } return $content; } add_filter( 'the_content', 'wpsites_before_post_widget' ); // Register Sidebars function custom_sidebars() { } add_action( 'widgets_init', 'custom_sidebars' );

The Last Heroes : Il Dark Action parla Italiano [RECENSIONE]

Recensione a cura di | Alessandro Pesce

” Nella tranquilla cittadina di Noara un profanatore di tombe appassionato di misteri, un venditore chiacchierone, una giornalista impertinente, un pigro nerd e la timida assistente di un misterioso bottegaio cieco e muto, si ritrovano insieme dopo che dove vent’anni prima avevano condiviso un terribile segreto. Ai giochi si uniscono anche due invasati di palestra e un poliziotto scettico che da tempo era sulle tracce del colpevole di un’inspiegabile mattanza di animali. Insieme, scopriranno l’antica maledizione di Kaisha e si ritroveranno a fronteggiare i demoni del passato”.

L’immaginario del Fantastico mondo della Produzione D’antona/Lorusso riesce, opera dopo opera, a rinnovarsi e creare temi sempre nuovi. Di recente abbiamo assistito a lavori incentrati più sulla parte Horror, Pulp, Comedy Dark; ricalcando in maniera evidente una maturità e una consapevolezza nei propri mezzi artistici davvero alta. The Last Heroes, idea partita tanti anni fa, prende finalmente vita e lo fa probabilmente nel momento migliore. Identificare precisamente l’opera non è certo affar semplice e probabilmente, da una parte, forse è anche meglio. Il Lavoro della “ditta” è un vero atto d’amore verso un tipo di cinema; un cinema legato ad un preciso momento storico, un iconico momento in cui tanti di noi (non più giovani) han cresciuto e coltivato il viscerale amore verso la settima arte : ovviamente stiamo parlando degli anni 80. Chiaramente non si discute il livello cinematografico che, il più delle volte, non brillava di chissà quali capolavori; ma ha, al proprio interno, un qualcosa di magico e alchemico che indiscutibilmente ha catturato grandissime attenzioni. The Last heroes è probabilmente quell’anello di congiunzione che accomuna le torbide atmosfere Baviane (Lamberto ovviamente, per senso cronologico) a quello stretto senso familiare e intimo dei Goonies (per entità di tracciato), rendendolo proprio e riuscendo a tessere una trama semplice ma profondamente efficace. Altrettanto ovviamente : “Squadra che Vince non si cambia”; e infatti la “PluriPremiata” Ditta L/D production tiene lo stesso schieramento, mettendo tra i pali la bella Annamaria Lorusso con in difesa Erica Verzotti & Nicole Blatto, continuando, nel reparto di smistamento di “stemperamento” il Groucho Francesco Emulo e in attacco il carismatico regista Roberto D’antona. Risultato? una vittoria, sul piano dell’intrattenimento, garantita. Ovviamente i personaggi di contorno fan la loro parte, chi più chi meno, garantendo uno smistamento di stati d’animo quasi necessario. Il film si prende sul serio solo quando la circostanza lega la narrazione e deconcentra lo spettatore nei precisi momenti in cui il funambolismo è utile a far strappare qualche sana risata. Tutto in pienissimo stile anni 80. I Flashback iniziali ci fan subito intendere quale direzione seguire e, per tutta la propria introduttiva durata, fa capire quale sentiero attraversare a livello psicologico : E’ un racconto quasi Gothic, fiabesco, di adolescenti che si porteran all’interno una storia dimenticata ma mai archiviata; il LA centrale di una sinfonia curata a pane e Stephen King. Il resto ovviamente vien da se : i Ragazzi,cresciuti, dovran di nuovo unire le forze per chiudere definitivamente quella cigolante e gracchiante porta che per anni ha urlato al silenzio, famelica di un ritorno glorioso e maligno. Armi che chiaramente sanno di “già visto” ma che in terra Italica suona piacevolmente di musica nuova, aria fresca e che non vuole in nessun modo alzare la voce. The Last Heroes è la storia di piccoli eroi coraggiosi, capaci di rialzarsi grazie al valore di un amicizia sincera; un amicizia fatta di ginocchia sanguinanti e di scarpe sporche di fango; un sentimento che parallelamente è esposto nei ricordi sbiaditi dei protagonisti come metafora di una società moderna, fatta di tecnologia e sentimentalismi virtuali. Non ci soffermiamo sui difetti di questo lavoro perchè sminuire una sorta di “Coming Out” da parte del regista è assolutamente atto di vigliaccheria verso il cinema contemporaneo. The Last Heroes va lodato per tanti, tantissimi motivi; tecnici da una parte, innovativi personali dall’altra, meritati per come tutto viene abilmente esposto a livello registico dall’altra ancora, MA, cosa ancor più forte : Il pensiero di voler esporre a cuore aperto una viscerale passione verso qualcosa che consciamente/inconsciamente ha stimolato e fatto innamorare di un ricordo che, come una cicatrice, rimarrà sempre indelebile all’invisibile anima. Fattori che, conoscendo un minimo la persona, sono assolutamente puri. Il film accarezza l’anima dei ricordi e culla lo spettatore dentro un piacevole senso di brivido, accompagnato da interpretazioni talvolta impacciate ma capaci di strappare qualche sorriso. Proprio sulle tempistiche di battute ironiche c’è da fare un ulteriore applauso : ogni “Gag” viene esposta nella giusta tempistica, non cadendo mai nel banale o ricercando quell’umorismo facile; in questo contesto i siparietti che vedono quasi sempre il grande Francesco Emulo, sono talmente spontanei da non sembrare neanche recitati. Per il resto, ci troviamo davanti ad un opera matura, studiata nei dettagli e che mette il punto esclamativo sul talento di una squadra che si muove in totale armonia.

The Last Heroes ha tutte le carte per primeggiare nei prodotti meglio riusciti di questo 2019, caratterizzando a dovere i propri protagonisti e rendendoli quasi intimi allo stato umano nostalgico.

Ora disponibile sul catalogo CG Entertainment, l’opera si sposa con una varietà di generi che non può lasciare indifferente lo spettatore.

Disponibile in formato BluRay, DVD, Acquisto e Noleggio digitale al seguente LINK

Trailer Ufficiale

Regia: Roberto D’Antona 

Cast Roberto D’Antona , Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Nicole Blatto, Erica Verzotti.

HORROR STAB

Next Post

Previous Post

Leave a Reply

© 2019

Copyright by Horror Italy